Posts Tagged 'cinema'

Her

Her

Non attendevo tanto un film da “Into the Wild”. Finalmente dopo mesi di attesa finalmente Her è arrivato nei cinema. NEL cinema, visto che a Pesaro è uscito solo al Loreto, che è un piccolo cinema della parrocchia fermo agli anni ’70.

Per quanto ho cercato di conoscere meno cose possibili per evitare spoileramenti vari, sapevo praticamente tutto. Non sapevo però, quanto fosse bella la colonna sonora degli Arcade Fire, nè la bellissima fotografia, specialente gli esterni, anche se potev aimmaginarmela. Non sono riuscito a vedere (sentire) la versione originale, con la voce di Scarlett Johansson, ma devo ammettere che la Ramazzotti non ha per niente sfigurato.

La storia la sapete tutti: Theodore è un nerd appena lasciato dalla ragazza che scrive lettere sdolcinate per conto terzi. Installa un nuovo OS nel computer, questo ha una propria anima e finisce per innamorarsene.

In mezzo tra il diabolico Hal 9000 di Kubrickiana memoria e il meno famoso Lars e una ragazza tutta sua, Spike Jonze vuole farci riflettere, a volte anche ridendo, sul rapporto che abbiamo con le macchine, e su come la società si sta alienando sempre più senza accorgersene.

Il finale tira un pò troppo per le lunghe e forse si sente la mancanza di un vero sceneggiatore, di sicuro nel derby con il suo omologo Michel Gondry, questa volta vince il primo,  se non altro per la pesantezza del secondo tempo di Mood Indigo, degno della “cura ludovico”.

Inception

inception.parigicubo

Il ritorno prematuro dell’inverno e la presenza di una nuova persona nella mia vita mi ha costretto a tornare al cinema per passare una domenica pomeriggio fine settembrina senza impiccarmi al palo più alto.
La scelta dei film nel multisala era imbarazzante, per il tasso di minchiaggine ovviamente.
Alla fine ho optato per Inception, visto che Memento mi era piaciuto non poco. Purtroppo però Christopher Nolan da regista più o meno indipendente, è diventato il solito sforna americanate, tant’è che ha fatto pure un paio di Batman mi pare.
Insomma la storia è che c’è quel disastro di DiCaprio che entra nei sogni per rubare idee, e un uomo d’affari jappa, vuole invece innestarne una ad un suo concorrente. E fin qui l’idea poteva anche passare, poi però iniziano ad incartarsi, ed a una certa non si capisce più un cazzo, con gente che fa sogni dentro altri sogni, primo piano, secondo livello, mansarda, eccetera.eccetera.
Però nella prima parte, quando spiega alla prima architetta trovata tutta la manfrina, ci sono delle scene che sarebbero piaciute pure al Gondry più visionario: La città che si arrotola su stessa, la strada che diventa verticale, la via che esplode al rallentatore mentre sono seduti in un caffè di Parigi.
Insomma,guardatevi la prima mezzora e poi potete andare a mangiarvi una pizza. E se andate da Bigno prendete la Genovese che spacca.

District 9.

District-9-2009

Ne avevo letto la trama diverso tempo fa e mi aveva esaltato. Poi però qualche recensione entusiastica mi aveva spaventato, come sempre mi succede. Perchè se un film piace a troppa gente c’è sempre qualcosa che non va.
Insomma la storia di un campo profughi di alieni era propio una bella trovata,inoltre ambientarla in sudafrica invece che le solite New York o Los Angeles era il tocco di genio, mescolando così discriminazioni razziali umane e interstellari.
Però sono uscito dal cinema un deluso,dati i presupposti si poteva certamente pensare a una trama un pò più coinvolgente,invece si gira attorno alla storia di questo olandese sfigato che è rimasto accidentalmente contagiato e si sta trasformando in un gamberone,abbandonato da tutti e con un braccio trasformato si danna per cercare di tornare normale.
Però indubbiamente ci sono delle cose fighissime, come le armi aliene(che mistero,i gamberoni si dimenticano di usare) compreso una specie di esoscheletro robotico che nel finale farà da matti.
Oppure il fatto che tutto il film è ambientato di giorno alla luce del sole,e in una baraccopoli dove bande armate di negri superstizioni speculano sui gamberoni vendendogli cibo per gatti.
Ovviamente il finale è a lieto fine e ti lascia capire che i gamberoni torneranno fra tre anni per salvare il nostro eroe ormai completamente trasformato, ma noi non lo vedremo.


Archivi

Flickr Photos

Blog Stats

  • 16.411 hits