Posts Tagged 'Karen O'

Dischidemmerda #3

MI0003771917

Karen O – Crush Songs.

Lei è figa. Ha fatto dischi bellissimi coi i Yeah,Yeah,Yeahs. E siccome si spupazza(va) Spike Jonze, ha pure fatto la colonna sonora di un capolavoro come Nel paese delle creature selvagge. Ha collaborato con Flaming Lips, Swans e Santigold, e una sua canzone nel film Her riceve la candidatura all’oscar.

Quindi l’uscita di questo disco aveva delle grandi aspettattive, almeno per me. Invece mi ritrovo con una ciofeca registrata col microfono del Cantatù probabilmente dentro il peggior bar di New York. Un ammasso di canzoni (è una parola grossa) solo abbozzate, a volte nemmeno finite tra fruscii e rumori di sottofondo.

Nonostante la durata media dei pezzi intorno ai due minuti si fa una fatica mostruosa ad arrivare alla fine, e la tentazione di tirare il disco dalla finestra è forte. Se solo fosse fisico…

Where The Wild Things Are.

Image Hosted by ImageShack.us
La prima volta che ho visto il trailer ne ero rimasto incantato.Wake Up degli Arcade Fire con le immagini surreali di Spike Jonze erano un richiamo a cui non potevo dire di no.
Molti altri invece potevano visto che al cinema eravamo quattro in tutto,ma non penso che questo film sia stato fatto con l’intento di sbancare i botteghini.Quindi sbrigatevi,lo toglieranno subito.
E’ tratto da un libro per bambini del ’63 e una mia amica tedesca asserisce di averlo letto appunto in tenera età.
Il protagonista è Max,un bambino solitario,quasi sempre vestito con un costume da orso(?) che provoca in me una sconfinata invidia.
Insomma non lo caga nessuno,è triste,litiga con la madre e fugge di casa iniziando un viaggio non si capisce quanto veritero e quanto di fantasia verso un isola abitata da strano mostri pelosi.Questi sono grossolani,con grandi occhi e denti affilati,ognuno con caratteristiche fisiche che rimandano ad animali(capra,uccello,toro)e caratteri differenti.E in un equilibrio instabile di questa piccola comunità in preda a depressione e scatti d’ira, l’arrivo del bambino porta una ventata di freschezza e buon umore.Purtroppo l’effetto dura poco e le creature passano in breve tempo dall’essere simpatiche ad aggressive,e nonostante la costruzione di un fantastico fortino la situazione va a puttane e il bambino ritorna a casa fra le braccia della madre.
Ovviamente la fotografia è spettacolare,i colori sono sempre autunnali,i paesaggi maestosi e il regista usa molte volte un inquadratura col sole e le sagome dei personaggi in negativo.
Tutto il film ha la colonna sonora cantata da Karen O degli Yeah Yeah Yeahs(ex di Jonze) che non fa altro che aumentare la poesia di questo piccolo gioiello novembrino.

Image Hosted by ImageShack.us


Archivi

Flickr Photos

Blog Stats

  • 16.411 hits