Archivio per settembre 2016

Cronache canarie.

img_3823

E alla fine anche per il povero Stu è arrivato il momento delle ferie. E visto che per lavoro avrei dovuto essere per due weekend consecutivi a Madrid, perchè non approfittarne per andare a scoprire l’ultima delle isole (abitate) delle mie amata Canarie. Tanto si sa che a me piace prendere quattro voli in dieci giorni. Giusto per confermare la mia assoluta idiosincrasia per gli aeroporti e le città grandi, ho cercato di giostrarmi al meglio coi primi (grazie anche a Matrix, tu sai chi) e ridurre al minimo il contatto con le seconde.

Si perchè la mia vera meta fin dall’inizio è stata Gran Canaria. Cercata, studiata, sognata e finalmente raggiunta, dopo ben cinque anni di assenza nelle mia adorate isole spagnole.

Trovato un ottimo alloggio tramite Airb&b, e voli vantaggiosi con NorwegianAir, dopo la prima pratica Madrilena e una sveglia all’alba sono partito con gli occhi sognanti verso la mia destinazione: Maspalomas, ovvero la parte più meridionale di Gran Canaria.

Visto che il padrone di casa non si è presentato prima delle sei, non mi è restato altro che fiondarmi subito verso la spiaggia, ovviamente sprovvisto di cappellino e crema solare perchè sono una bionda. Un errore che pagherò caro nei giorni seguenti, con tanto di naso color peperone e spellamenti vari. Scoprirò poi che la protezione solare è più cara dell’oro, ed evidentemente molto più utile.

La prima cosa da sapere è che per arrivare alla spiaggia, bisogna attraversare un deserto. Esatto: camminare in mezzo alle dune per almeno mezzora (sperando di non perdersi come mi è poi successo) tra paesaggi sahariani e temperature equatoriali. Ma questa che è la parte più faticosa e difficile, come sempre non fa altro che farti apprezzare ancora di più la visione dell’oceano che ti si apre davanti.

Il sole picchia, ma il vento (a volte fortissimo che ti fa mangiare la sabbia) non te lo fa sentire, il cielo è sempre limpido, le montagne alle spalle fermano le nuvole cariche di pioggia che qui latita da almeno tre mesi. Gli spazi sono vastissimi, e la sensazione di libertà si rispecchia negli atteggiamente della gente, dove costumi e pregiudizi vengono lasciati a casa.

la sera poi c’è spazio per le mie prime tapas, per una fake-pizza, e per le gare con spagnoli e tedeschi a chi ingurgiti più alcol allo Yumbo, un terribile centro commerciale all’aperto dove si concentrano tutti i locali notturni e dove per la prima volta abbandono la mia amata Red Bull per un più nordico Gin Tonic, chissà se si sapesse in giro.

Finisco poi per fare una conoscenza pazzesca, inaspettata e trascinante, come non mi capitava da parecchio, che mi ha fatto risalire sul trenino delle montagne russe dell’emozioni, dopo anni che avanzava lentamente in pianura. Ed è incredibile come la vita ciclicamente ti metta in discussione, e che quella fortezza che pensavi di avere costruito senza uno spiffero, in realtà lasci passare folate di vita vera.

Last Day of Summer

IMG_3688Oggi è il primo Settembre. Il che tecnicamente significa che l’Estate è finita ed inizia l’Autunno. Come tutti gli anni, arrivato a questo punto, oltre a dover spiegare a tutti la differenza tra stagioni astronimiche e metereologiche, arriva il momento di fare dei bilanci.

Cosa mi ricorderò di questa Estate duemilasedici? A dire il vero poco. E’ volata via veloce, orfana di un Maggio Settembrino, e con il solito Luglio che vivo in apnea per i lavori notturni.

Mi ricorderò del Festival all’Hana-bi con i Destroyer, di qualche partita a beach, del classico appuntamento della Mostra del Cinema dove ho scoperto “C’eravamo Tanto Amati” per la prima volta, del tagliando di analisi che mi sono fatto per esorcizzare l’età che avanza e confermare le mie certezze alimentari, della rievocazione storica sulla linea Gotica di Montegridolfo, con i brividi e le lacrime nascoste con fatica.

Ma la cosa che ricorderò più è stata la scoperta, o meglio la riscoperta, di un luogo magico come la pineta intorno a Lido di Classe. Un parco naturale protetto, un posto dove la natura l’ha avuta vinta contro la cementificazione selvaggia di tutta la costa Adriatica nonostante un grave incendio che l’ha colpita pochi anni orsono. Un posto magico dove non esistono ombrelloni, ma piccole strutture che ti puoi costruire con i tronchi potati dalle piene invernali del Po, dove non ci sono bagnini, lettini e ombrelloni, ma ognuno si gestisce come vuole, nel pieno rispetto per l’ambiente, un posto dove nemmeno il costume è necessario, basta la voglia di assaporare luoghi incontaminati e spogliarsi dei pensieri e delle preoccupazioni quotidiane.

Addio Estate 2016.

 


Archivi

Flickr Photos

Blog Stats

  • 14,357 hits