Archivio per marzo 2012

L’anno che verrà.

Come un goal in zona cesarini, propio in coincidenza con l’equinozio di primavera, i bacilli bastardi si sono imposessati del mio corpo, e, grazie anche al fatto che invece di riposarmi ho lavorato fino a 18 ore al giorno per il concerto di Dente, una influenza del cazzo mi ha schiantato le gambe e costretto a letto per un paio di giorni. Per fortuna ho il fisico e sono già in piedi, purtroppo però per il secondo anno di fila mi sono perso la Fogheraccia e la faccenda mi scoccia parecchio.

Nel frattempo ho approfittato per sistemare un pò di cose arrestrate come una carta di credito che non uno da due anni ma che continua a mandarmi estratti conti e quote annue, e il mio iTunes che va curato come e più di un giardino di rose.

Negli ultimi tempi più che altro mi sono messo a importare l’enorme mole di cd che giacciono tristemente sotto una coltre di polvere sullo scaffale per dargli una nuova giovinezza , e il compito è arduo e sopratutto lungo. Mentre ordinavo, mettevo copertine mancanti e aggiustavo anni di pubblicazione, mi sono accorto che mentre praticamente se ne è già andato un quarto di anno, i dischi usciti in questo anno bisestile sono pochi e sopratutto di poca rilevanza. Manca non dico il capolavoro, ma anche il disco che ascolteremo ancora a Dicembre. Sarà finita l’ispirazione o i soldi per pubblicarli? Ho dato una occhiata veloce alle varie bibbie dell’indie rocker e ho fatto questo piccolo elenco di uscite del 2012:

FANFARLO
LEE RANALDO
THE SHINS
XIU XIU
THE MAGNETIC FIELDS
DIRTY THREE
MOUSE IN MARS
TINDERSTICKS
LAMBCHOP
DAMIEN JURADO
SLEIGH BELLS
AIR
MARK LANEGAN BAND
OF MONTREAL
A PLECE TO BURY STRANGERS
LEONARD COHEN
LANA DEL RAY
CLOUD NOTHING
THE BLACK KEYS

Io per adesso voto Damien Jurado, e voi?

Pancake

Un altra fase di latitanza dal blog, me ne scuso con gli assidui frequentatori, tra l’altro adesso WordPress mi fa pure vedere i paesi di provenienza, Nikki direbbe: “cazzo, figata!”

In realtà nel frattempo è successo di tutto e non è successo niente. Non se ne è accorto nessuno ma siamo entrati in primavera, si, le stagioni metereologiche, non quelle astronomiche, e Domenica c’è pure la Fogheraccia, antico rito pagano che saluta definitivamente il generale inverno. Domenica finalmente ricomincia la nuova stagione di F1, e quest’anno abbiamo deciso che tiferemo per la Williams, la Lotus, e Paul Di Resta.  Intanto la mia di quattroruote è finita in garage, visto che la benzina sta raggiungendo pericolosamente la fatidica soglia dei €2 al litro, e la temperatura mi permette di sfrecciare in bici al lavoro.

Ah, mi è pure ripresa la voglia di cucinare, sopratutto dolci, ho fatto incetta di farine, fecole, lieviti e zuccheri vari, ho trovato il sito di ricette della Clerici e mi sono cimentato nei pancake di newyorkese memoria, devo dire che sono venuti pure bene, magari la prossima volto prendo pure lo sciroppo d’acero.

Ci si vede intorno al falò.


Archivi

Flickr Photos

Blog Stats

  • 14,357 hits